Formazioni brevi

persone sedute a terra in ascolto di qualcuno che non si vede alcune persone prendono appunti sui loro quaderni

Per un processo di ricerca continuo e collettivo

Perchè continuare ad apprendere facendo?

Fare Teatro dell’Oppresso non consiste solo “nell’usare le sue tecniche” ma è un “processo di ricerca attorno all’oppressione”. 

Il TdO è un metodo conosciuto in quasi tutto il mondo, praticato da 50 anni circa, con vari sviluppi in ambito politico, sociale, educativo, terapeutico e artistico.

Sappiamo che può essere un metodo potente (come per esempio l’esperienza indiana della compagnia Jana Sanskriti dimostra), così come può essere usato in modo superficiale, povero o addirittura per manipolare gruppi, per adattare gli oppressi al sistema oppressivo.

Quello che sentiamo più debole è il suo lato sovversivo, radicale, politico. Vediamo il rischio per il TdO, così come per approcci critici, di essere manipolato dal sistema capitalista e svuotato del suo radicalismo o ridotto a semplice divertimento.

Vogliamo invece preservare la radicalità del TdO; il suo aspetto politico, senza lasciarsi portare verso una tecnica del consenso, un semplice mezzo per la reciproca comprensione tra oppressi e oppressori, ma anche senza semplificare la lotta contro l’oppressione in schematismi come lotta contro il “cattivo”, dimenticando l’oppressione strutturale e culturale.

Proponiamo quindi di avviare una ricerca e una formazione continua per rafforzare, mettendo a confronto le esperienze pratiche, questo livello politico e metodologico.

Riteniamo che queste occasioni di confronto e di scambio possano aiutare molti gruppi e singoli praticanti a usare il TdO come strumento efficace e radicale per un cambiamento della realtà.

Cosa?

Proponiamo di esplorare queste aree tematiche, per mantenere viva la dimensione politica e la corposità metodologica del TdO:


-CONTESTO MICRO E MACRO DELL’OPPRESSIONE

-CORPO MENTE ED EMOZIONE

-CONNESSIONE TRA ESTETICA E CONTENUTI-L’estetica dell’Oppresso

-IL POTERE DEMOCRATICO NELLA DIMENSIONE LEGISLATIVA-Il Teatro-Legislativo

-CREARE DISCUSSIONE NELLO SPAZIO PUBBLICO-Il Teatro-Invisibile

-IL RUOLO DEL JOLLY-Teatro-Forum

-INFORMAZIONE E CONTROINFORMAZIONE, VECCHI E NUOVI MEDIA-Il Teatro-Giornale

-DALL’INDIVIDUO AL COLLETTIVO- Il Flic dans la Tête

-IL TEATRO: ESPRESSIONE CORPOREA, VOCE E MOVIMENTO-Il Teatro-Immagine

Come già fatto in passato, siamo disponibili ad organizzare eventi formativi brevi proposti o condotti da altre persone.
foto di gruppo molti sorrisi presenti 3 rappresentanti di Jana Sanskriti

“Un eccesso di azione può portare all’attivismo cieco e sordo,

un eccesso di riflessione può portare ad una verbosità altrettanto sterile e fine a se stessa.”

Paulo Freire